Inchiesta Riace:gli intoccabili della sinistra

di Valentino Venturelli . Speriamo che l’inchiesta non finisca nel nulla .Arrestato il sindaco di Riace Domenico Lucano, in odore di santità per aver favorito la clandestinità dei migranti con diverse violazioni di legge. Era salito agli onori della sinistra internazionale per l’integrazione imposta anche in violazione della legge, detto “Modello Riace”, onorato da certa sinistra e da Saviano, ma inviso alla Guardia di Finanza per  la spregiudicata e illecita gestione di migranti e risorse. Le su politiche sbrigative dell’accoglienza, si basavano su macchiavellismi per regolarizzare i rifugiati, anche con matrimoni concordati . Non sappiamo se il sindaco sia un fanatico dell’accoglienza o se dietro il suo grande amore ci siano interessi economici di vario tipo. Il successo è la sfida alla legge, che disobbedisce.  Malgrado che sia sindaco di una zona infetta di illegalità, e da un cattivo esempio ai cittadini: “Se serve vado contro la legge”. Frasi come questa immettono nella travagliata società di Riace inviti alla disobbedienza , che un sindaco dovrebbe per primo combattere. Invece sfiida la legge e, ovviamente, Salvini che vuole che in Italia si ritorni alla legalità civile, specie al Sud. Sorvolando sul rispetto delle leggi, Saviano lo difende e attacca Salvini come come colui che vuole l’Italia fascista o nazista. Non c’è alcuna logica che il dovere verso la legge sia un atto antidemocratico. Lasciando stare le bizze del sindaco Lucano, segnaliamo la squallida glorificazione di chi non segue la legge da parte di un sedicente intellettuale nutrito e propagandato dalla sinistra più irresponsabile. Ma , dopo l’arresto, c’è già chi pensa a smontare tutto del sindaco Lucano.  Ma che il GIP  cominci ad avere dubbi sul provvedimento è giù un segnale. Con la magistratura che è troppo Democratica si può indagare Salvini per sequestro di persona molto opinabile; ma il sindaco che sfida lo Stato va capito perché lo fa per accogliere più migranti e , forse, speculare sui contributi. 

Lascia un commento